risarcimento malasanità da parto

Risarcimento Malasanità da Parto

La nascita di un figlio dovrebbe essere un momento caratterizzato unicamente da emozione, aspettativa e felicità per la bellezza di una nuova vita che inizia il suo cammino.

Risarcimento Malasanità da Parto

risarcimento malasanità da parto

Purtroppo però, nonostante l’evoluzione degli studi di medicina e l’avanzamento delle tecniche e degli strumenti specifici, è ancora relativamente comune che si verifichi un danno da parto, causato talvolta da una mancanza del personale medico o dalla struttura. Molto spesso infatti nel nostro paese gli ospedali o le strutture sanitarie non sono in linea con gli standard di sicurezza vigenti nel nostro ordinamento e in quello comunitario. Altre volte invece non è la struttura a essere la causa della malasanità, ma è il medico o il personale che assiste al parto ad essere imputabile per il danno.

Chi è Legittimato a Chiedere il Risarcimento del Danno?

Nel caso di danno medico ginecologico al feto o al nascituro, prima di valutare se e come chiedere un risarcimento, è bene prima considerare chi è legittamento a fare tale richiesta. Il primo soggetto è sicuramente il nascituro, che ha già una sua autonoma soggettività giuridica. Segue poi sicuramente la gestante, che oltre al danno da parto che può provocarle lesioni personali, è legittimata a chiedere il risarcimento anche per le lesioni o la perdita del feto o del neonato. Ultimi sono infine i prossimi congiunti della madre e del nascituro, i quali sono legittimati a chiedere il risarcimento nel caso di malasanità da parto per i danni riflessi, che vanno a toccare quindi anche la loro persona in relazione a quelli diretti subiti dalla madre, dal feto o dal neonato.

Quali Sono i Possibili Danni?

Quando si parla di danno e malasanità in sala parto è bene considerare anche quali sono effettivamente i vari tipi di lesioni che madre e nascituro possono subire. Per quanto riguarda la madre i pericoli maggiori sono sicuramente: l’embolia del liquido amniotico, che porta a una grave anafilassi a causa dell’entrata di fluido fetale nel sangue, l’emorragia post partum, una delle più comuni cause di mortalità materna oppure la rottura dell’utero.

Il feto può invece soffrire per un’emorragia celebrale neonatale dovuta alla rottura della placenta, per sofferenza fetale con esiti neurologici anche gravi e permanenti, per soffocamento provocato dall’aspirazione di liquido amniotico e per il prolasso del cordone ombelicale.

A chi Rivolgersi per un Risarcimento?

Nel caso si voglia chiedere un risarcimento malasanità da parto è bene rivolgersi a degli avvocati specializzati. Contattando Risarcimento Salute e Tutela del Malato potrete godere dell’assistenza di un pool di ben 25 avvocati professionisti che operano in 50 città italiane.

Risarcimento Salute offre una prima consulenza legale gratuita e la possibilità di pagare gli avvocati a risultato. I legali infatti solo qualora valutino come esistenti gli estremi per chiedere un risarcimento faranno un patto con il cliente, che pagherà comunque solo a risarcimento ottenuto. I professionisti che vi verranno messi a disposizione usufruiranno inoltre delle perizie mediche di medici legali esperti e di fiducia. Per contatti e maggiori informazioni vi sarà sufficiente visitare il sito internet www.risarcimentosalute.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *